Bomba d’acqua su Pozzuoli – foto e video

Si è abbattuta su Pozzuoli una vera e propria bomba d'acqua che ha mandato in tilt il traffico cittadino (intensità: 3.0 su 12 secondo...

Lo studio: “Il cervello umano si è ridotto”

Uno studio pubblicato su Frontiers in Ecology and Evolution ha gettato nuova luce sull’evoluzione del cervello. Un team di ricercatori del Dartmouth College di...

Bottiglia Termica, il salvavita in estate

E' estate, il caldo è insopportabile e le temperature così elevate fanno avvertire sempre la necessità di bere. È importante bere anche per restituire...

Si è spento il dott. Carmelo Cicale

Ancora una morte improvvisa che colpisce la comunità puteolana: è mancato poche ore fa il dott. Carmelo Cicale, medico di base in pensione, pediatra, imprenditore,...

Telefono scarico? Ti suggerisco delle soluzioni

Quanto è disagevole ritrovarsi con il cellulare scarico? Personalmente mi capita tantissime volte. Così ho acquistato una batteria portatile. La batteria del nostro telefono, a causa...

Mondo giovani – a cura di Ennio Silvano Varchetta – Non solo social

I giovani che perdono di vista la realtà

Gli adolescenti di oggi spesso incontrano difficoltà a controllare le emozioni, in un mondo che si è spinto sempre di più al digitale. Ma è uno sforzo che andrebbe fatto per renderli cittadini consapevoli, già nativi digitali. Questi mesi di pandemia sono stati terribili per tutti, ma certamente i minori sono stati i più penalizzati. Esiste un criterio da suggerire ai genitori per rendere meno pesante l’invasione del digitale nella vita dei loro ragazzi costretti a mediare tutto, dalla scuola al divertimento alle amicizie, attraverso le tecnologie informatiche? Ripartire dai ragazzi vuol dire che gli adulti devono ascoltarli e accompagnarli in un percorso di riscoperta della vita sociale, aiutarli a riprendere il controllo della loro quotidianità, oltre i social. E questo accompagnamento va nutrito di empatia e di emozioni condivise. In breve, i genitori devono fare i genitori, non lasciare semplicemente che i ragazzi riprendano in modo confuso gli svaghi allo stesso modo di prima. Nello sforzo per ripensare insieme un nuovo futuro, la famiglia, importante microcosmo, deve diventare un punto di riflessione, con una grande attenzione alle menti dei ragazzi e alle conseguenze provocate dal Covid. Oggi i piccoli sono sensibilissimi e confusi, non possiamo lasciarli soli.
Pensando alla prevenzione del bullismo e del cyberbullismo, piaghe di questo tempo, qual è la strategia più opportuna per scongiurare il fenomeno? Accompagnare i ragazzi o educare genitori e insegnanti? Dobbiamo regalare ai ragazzi il senso della dignità e del rispetto per se stessi e per l’altro. Dobbiamo lavorare in una logica di socialità esterna che comprenda se stessi, la famiglia e gli altri. Oggi sicuramente per i ragazzi è molto difficile controllare le emozioni, in un mondo che si è dilatato dal reale al digitale. Spesso i minori sono inconsapevoli che parole e immagini lanciate nella rete possono causare gravi ferite. Non dobbiamo stancarci di spiegare loro che un piccolo problema nella vita reale viene amplificato nel digitale e, soprattutto, rimane per sempre. I ragazzi sono già a pieno diritto “cittadini digitali” e vanno accompagnati a comprendere il senso di una più consapevole “cittadinanza nella rete”. In questi mesi tanti bambini e tanti adolescenti hanno sperimentato la sofferenza della perdita di un nonno, di uno zio, di un familiare. Quale dovrebbe essere l’approccio corretto per accompagnare un minore all’elaborazione del lutto? Nella società di oggi abbiamo cercato di rimuovere il lutto, non se ne parla mai. Il lutto è certamente un fatto personale ma, soprattutto quando sono coinvolti i ragazzi, vanno trovate le modalità per condividere e comprendere questa sofferenza. Quello che è successo in questi mesi, soprattutto in alcune città del Nord, è stata una ferita collettiva molto seria, da non sottovalutare. È importante parlare ai ragazzi anche di questi aspetti, aiutarli ad approfondire i valori, il senso della vita. E allora, di fronte a un defunto in famiglia, spieghiamo loro quanto sia importante dare senso a una vita che si chiude sì, ma in continuità di rapporto con chi se n’è andato. In questi anni si sono moltiplicati molti studi e ricerche per aiutare i minori a prevenire problemi e abusi. Qual è allora un consiglio utile per costruire la consapevolezza dei minori su questi drammi? I ragazzi sono sempre più consapevoli dei loro diritti e della necessità di avere un ruolo attivo responsabile. Ma vanno ascoltati e aiutati a sviluppare il giusto rispetto per l’altro. Dove non c’è rispetto per l’altro non c’è neppure rispetto per se stessi. Dobbiamo cominciare dai bambini della scuola primaria a ricostruire una comunità davvero educante. Ascoltarli e seguirli vuol dire renderli protagonisti del loro futuro. Vuol dire aiutarli a costruire una identità seria, responsabile e non vacillante. Migliorare le loro vite in crescita significa conseguentemente rendere migliore la vita di tutti.

Ultimi articoli pubblicati

Bomba d’acqua su Pozzuoli – foto e video

Si è abbattuta su Pozzuoli una vera e propria bomba d'acqua che ha mandato in tilt il traffico cittadino (intensità: 3.0 su 12 secondo...

Lo studio: “Il cervello umano si è ridotto”

Uno studio pubblicato su Frontiers in Ecology and Evolution ha gettato nuova luce sull’evoluzione del cervello. Un team di ricercatori del Dartmouth College di...

Bottiglia Termica, il salvavita in estate

E' estate, il caldo è insopportabile e le temperature così elevate fanno avvertire sempre la necessità di bere. È importante bere anche per restituire...

Si è spento il dott. Carmelo Cicale

Ancora una morte improvvisa che colpisce la comunità puteolana: è mancato poche ore fa il dott. Carmelo Cicale, medico di base in pensione, pediatra, imprenditore,...

Telefono scarico? Ti suggerisco delle soluzioni

Quanto è disagevole ritrovarsi con il cellulare scarico? Personalmente mi capita tantissime volte. Così ho acquistato una batteria portatile. La batteria del nostro telefono, a causa...

Articoli Correlati

Bomba d’acqua su Pozzuoli – foto e video

Si è abbattuta su Pozzuoli una vera e propria bomba d'acqua che ha mandato in tilt il traffico cittadino (intensità: 3.0 su 12 secondo...

Lo studio: “Il cervello umano si è ridotto”

Uno studio pubblicato su Frontiers in Ecology and Evolution ha gettato nuova luce sull’evoluzione del cervello. Un team di ricercatori del Dartmouth College di...

Bottiglia Termica, il salvavita in estate

E' estate, il caldo è insopportabile e le temperature così elevate fanno avvertire sempre la necessità di bere. È importante bere anche per restituire...

Si è spento il dott. Carmelo Cicale

Ancora una morte improvvisa che colpisce la comunità puteolana: è mancato poche ore fa il dott. Carmelo Cicale, medico di base in pensione, pediatra, imprenditore,...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi