Voci dal carcere: Anna si racconta – quattordicesima parte

La forza di Anna si regge sugli affetti più intimi. Il figlio le esprime il suo amore dedicandole una canzone di Luca Barbarossa il...

Pozzuoli – Raffaele stroncato da un malore a 30 anni

Raffaele Cacace, 30 anni, manutentore di piscine, si è sentito male nel pomeriggio di mercoledì mentre era a casa dei nonni. Dopo avergli prestato...

Finalissima Tale e Quale Show: intervista al puteolano Massimo Ronza

Lo scorso 14 gennaio il nostro concittadino Massimo Ronza ha vinto la puntata di Tale e Quale Show impersonando Fausto Leali, pertanto avrà accesso...

Nuove assunzioni a Poste Italiane: scadenza 12 febbraio

Poste Italiane effettuerà nuove assunzioni nel 2023 in diverse parti d’Italia: possono candidarsi laureati e diplomati. I vincitori del concorso avranno un contratto a tempo...

Nuovo costume per Carnevale 2023: Matteo Messina Denaro

Una denuncia sui social da parte del deputato Francesco Emilio Borrelli ha messo in luce una situazione a dir poco incresciosa: un bambino, sostenuto da...

“I pazienti devono essere molto pazienti”: ennesimo episodio di malasanità

“Siamo ammalati e dobbiamo essere molto pazienti, ma, non per questo, rinunciare a denunciare, a protestare per l’inefficienza del sistema sanitario campano e del suo responsabile, il presidente De Luca, per gli abusi, le vessazioni e le ingiustizie che si è costretti a subire”

*Ricevo e pubblico:

“Sono un ammalato oncologico e la mia vita è una continua emergenza che non trova mai risposte adeguate alle situazioni e alle mie condizioni, ma credo che lo stesso valga per tutti gli ammalati oncologici.

FATTO

La sera del 5 Gen. us nasce lemergenza: loncologo mi invia una mail, con allegata la prescrizione specialistica, con la quale mi indica che, dal 6 Gen, il giorno dopo, devo iniziare una terapia antibiotica forte, per una grave forma di infezione addominale. Nonché le analisi il 9 Gennaio per verificare la risposta immediata della terapia durto.

Studio medico chiuso, ma sarebbe stato lo stesso anche se non fosse stato di sera, perché lo studio, nei prefestivi è chiuso. Prassi incomprensibile, come se fosse un ufficio privato.

Mi attivo con la guardia medica: impossibile contattarla per telefono. Hanno due linee, entrambe non funzionanti. Poi saprò che bisognerebbe chiamare il 118.

Vado la mattina dopo, tutto va risolto con molta fretta. Sono fortunato trovo aperta la guardia medica. Cancelletto di Via G. Diano chiuso, attesa in strada. Consegno la prescrizione specialistica e chiedo la compilazione per la farmacia di turno.

Dopo diversi minuti di valutazione, mi dicono che la guardia medica non può fare prescrizioni per farmaci con nota, che non possono fare prescrizioni neanche per esami ematochimici e diagnostici. Alternativa? Struttura ospedaliera, non ho capito neanche quale. O comprare il farmaco in farmacia.

Con molto garbo ed educazione, evidenziando che eravamo tutti vittime del sistema, compresi gli operatori della guardia medica, ho fatto notare che, anche i giorni successivi erano festivi e quindi lunica alternativa era comprare i farmaci. La dottoressa di turno, mostrando comprensione e disponibilità, facendo uno strappo alla regola, ha compilato una prescrizione solo per un giorno; sarei dovuto tornare ogni giorno fino alla riapertura del medico di base. Inoltre, mi ha fatto notare con rammarico, che i loro sono gli stipendi più bassi d’Italia. 

Ho, per una questione di principio, ritirato la ricetta, che segnava solo 2 fiale, ho comprato in farmacia le altre sei; lunedì mattina 9 Gennaio dovrò fare il prelievo e pagare le analisi perché lo studio riapre di pomeriggio.

Conclusioni

La rabbia, la delusione, la stanchezza fisica e psichica è grande. La famosa sanità svizzera su cui blatera il presidente De Luca è una bottega sgangherata, con una burocrazia folle e soffocante, lontana dalla realtà e dai malati.

Salvo, in parte, il personale, quello bravo, educato, disponibile e responsabile.

Il sistema organizzativo e gestionale è diretto da incapaci, bugiardi, burocrati che dovrebbero essere accusati di stalking nei confronti dei pazienti. Troppo Pazienti.”

*Raffaele Serpico

Ultimi articoli pubblicati

Voci dal carcere: Anna si racconta – quattordicesima parte

La forza di Anna si regge sugli affetti più intimi. Il figlio le esprime il suo amore dedicandole una canzone di Luca Barbarossa il...

Pozzuoli – Raffaele stroncato da un malore a 30 anni

Raffaele Cacace, 30 anni, manutentore di piscine, si è sentito male nel pomeriggio di mercoledì mentre era a casa dei nonni. Dopo avergli prestato...

Finalissima Tale e Quale Show: intervista al puteolano Massimo Ronza

Lo scorso 14 gennaio il nostro concittadino Massimo Ronza ha vinto la puntata di Tale e Quale Show impersonando Fausto Leali, pertanto avrà accesso...

Nuove assunzioni a Poste Italiane: scadenza 12 febbraio

Poste Italiane effettuerà nuove assunzioni nel 2023 in diverse parti d’Italia: possono candidarsi laureati e diplomati. I vincitori del concorso avranno un contratto a tempo...

Nuovo costume per Carnevale 2023: Matteo Messina Denaro

Una denuncia sui social da parte del deputato Francesco Emilio Borrelli ha messo in luce una situazione a dir poco incresciosa: un bambino, sostenuto da...

Articoli Correlati

Voci dal carcere: Anna si racconta – quattordicesima parte

La forza di Anna si regge sugli affetti più intimi. Il figlio le esprime il suo amore dedicandole una canzone di Luca Barbarossa il...

Pozzuoli – Raffaele stroncato da un malore a 30 anni

Raffaele Cacace, 30 anni, manutentore di piscine, si è sentito male nel pomeriggio di mercoledì mentre era a casa dei nonni. Dopo avergli prestato...

Finalissima Tale e Quale Show: intervista al puteolano Massimo Ronza

Lo scorso 14 gennaio il nostro concittadino Massimo Ronza ha vinto la puntata di Tale e Quale Show impersonando Fausto Leali, pertanto avrà accesso...

Nuove assunzioni a Poste Italiane: scadenza 12 febbraio

Poste Italiane effettuerà nuove assunzioni nel 2023 in diverse parti d’Italia: possono candidarsi laureati e diplomati. I vincitori del concorso avranno un contratto a tempo...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi