Pozzuoli – I vigili urbani come sceriffi: l’amara protesta di un cittadino

*Ricevo e pubblico: “Nonostante sia cambiata l’amministrazione comunale, Pozzuoli continua ad essere popolata da sceriffi: i nostri vigili urbani. È al Sindaco ed al Comandante...

Pozzuoli in lutto per Sabrina Pisellini: una vita spezzata a 38 anni

È rientrata a Pozzuoli la salma di Sabrina Pisellini, la nostra concittadina che viveva a Milano da qualche anno, dove lavorava come estetista. I...

Bando “Home Care Premium”: assistenza ad un familiare non autosufficiente

Sono stati pubblicati i bandi INPS di concorso Home Care Premium – HCP 2022 e Long Term Care – LTC 2022 per i dipendenti e...

Investita sul monopattino in via Solfatara a Pozzuoli

Ricevo e pubblico * “Gentile Giovanna, ieri intorno alle 15 salivo Via Solfatara con il monopattino. All’altezza del Bar d’Angelo, sono stata investita da un’auto che...

Elda Salemme canta Springsteen: i Campi Flegrei rappresentati alla “On the Road” di Bergamo

Domenica 4 settembre a Sant’Agostino, Bergamo, nell’ambito della rassegna ON THE ROAD – Bergamo Racconta Springsteen, giunta alla sesta edizione, si svolgerà la finalissima...

Roberto Mancini “vittima del dovere”

Il poliziotto, che scoprì lo sversamento illegale dei rifiuti tossici., morì il 30 aprile 2014

Roberto Mancini, Sostituto Commissario, é meglio conosciuto come il primo poliziotto che, con la sua squadra, scoprì lo sversamento illegale dei rifiuti tossici nei Comuni della Campania, poi definita Terra dei Fuochi e dei Veleni. Il suo impegno non ebbe un grande sostegno in quanto in questo Paese, soprattutto negli scorsi anni, hanno avuto il sopravvento i negazionisti: si doveva negare qualsiasi nesso di causalità tra rifiuti tossici e patologie oncologiche. E’ noto che su quel traffico alcuni industriali hanno definito accordi con la camorra, che a sua volta, ha operato con la collusione di pezzi dello Stato.

Roberto Mancini morì a Perugia il 30 aprile 2014. Il contatto quotidiano che ebbe con sostanze tossiche, gli fece contrarre nel 2002 il linfoma di non Hodgkin. Il suo impegno e le sue battaglie sono state anche ricostruite in una fiction  in due puntate della RAI con Peppe Fiorello.

L’Assistente Capo Coordinatore Alessandro Magno, che fece parte del pool investigativo messo in piedi da Mancini, ha pubblicato sui social una toccante testimonianza : “Interagiva con le persone da uomo, non da poliziotto. Questo lo faceva con tutti senza nessuna distinzione. Abbiamo creduto nei valori di cui lui non parlava, ma metteva in pratica. Lealtà e onestà era un modus vivendi “. Durante le indagini – continua Alessandro Magno – ascoltava ogni suggerimento e intuizione dei suoi uomini. Li sentiva parte di sé. Lui metteva al centro di tutto l’uomo, e non i gradi (qualifiche). Guai se uno di loro avesse subito un torto da chicchessia. Sapeva quanto rischiavano i suoi uomini per lavorare con lui in questa tragedia infinita chiamata Terra dei Fuochi. Sentiva il peso e la responsabilità dei suoi collaboratori”.  Ed ancora : “L’attività professionale svolta all’interno della squadra di Mancini, era sicuramente diversa rispetto alle altre squadre. Fare parte di una squadra, ‘significa fare il tifo condividendone gioie e dolori, vittorie e sconfitte’. Figuriamoci in quella come la nostra. Faccio un esempio: la nostra squadra era derisa da tutte le altre squadre e tacciata come la ‘squadra dei monnezzari’. Quando parlo della figura di Roberto Mancini, sembra la descrizione di una figura mitologica, invece no, lui era fatto così”.

A seguito di manifestazioni e  petizioni, dell’impegno della moglie e di alcuni parlamentari, a Roberto Mancini venne riconosciuto  lo status di “vittima del dovere” che certificò la connessione tra la malattia e il servizio prestato, riconoscendo il suo importantissimo lavoro e il sostegno alla sua famiglia.

Acli Dicearchia Pozzuoli e l’Osservatorio per la Tutela dell’Ambiente e della Salute, con una manifestazione presso “Villa di Livia” del 27 maggio di cinque anni fa, assegnarono a Roberto Mancini, alla memoria, Premio Dicearchia 2016. Alla vedova Monica Dobrovolska fu consegnata un’opera dell’artista puteolano Antonio Isabettini.

Ultimi articoli pubblicati

Pozzuoli – I vigili urbani come sceriffi: l’amara protesta di un cittadino

*Ricevo e pubblico: “Nonostante sia cambiata l’amministrazione comunale, Pozzuoli continua ad essere popolata da sceriffi: i nostri vigili urbani. È al Sindaco ed al Comandante...

Pozzuoli in lutto per Sabrina Pisellini: una vita spezzata a 38 anni

È rientrata a Pozzuoli la salma di Sabrina Pisellini, la nostra concittadina che viveva a Milano da qualche anno, dove lavorava come estetista. I...

Bando “Home Care Premium”: assistenza ad un familiare non autosufficiente

Sono stati pubblicati i bandi INPS di concorso Home Care Premium – HCP 2022 e Long Term Care – LTC 2022 per i dipendenti e...

Investita sul monopattino in via Solfatara a Pozzuoli

Ricevo e pubblico * “Gentile Giovanna, ieri intorno alle 15 salivo Via Solfatara con il monopattino. All’altezza del Bar d’Angelo, sono stata investita da un’auto che...

Elda Salemme canta Springsteen: i Campi Flegrei rappresentati alla “On the Road” di Bergamo

Domenica 4 settembre a Sant’Agostino, Bergamo, nell’ambito della rassegna ON THE ROAD – Bergamo Racconta Springsteen, giunta alla sesta edizione, si svolgerà la finalissima...

Articoli Correlati

Pozzuoli – I vigili urbani come sceriffi: l’amara protesta di un cittadino

*Ricevo e pubblico: “Nonostante sia cambiata l’amministrazione comunale, Pozzuoli continua ad essere popolata da sceriffi: i nostri vigili urbani. È al Sindaco ed al Comandante...

Pozzuoli in lutto per Sabrina Pisellini: una vita spezzata a 38 anni

È rientrata a Pozzuoli la salma di Sabrina Pisellini, la nostra concittadina che viveva a Milano da qualche anno, dove lavorava come estetista. I...

Bando “Home Care Premium”: assistenza ad un familiare non autosufficiente

Sono stati pubblicati i bandi INPS di concorso Home Care Premium – HCP 2022 e Long Term Care – LTC 2022 per i dipendenti e...

Investita sul monopattino in via Solfatara a Pozzuoli

Ricevo e pubblico * “Gentile Giovanna, ieri intorno alle 15 salivo Via Solfatara con il monopattino. All’altezza del Bar d’Angelo, sono stata investita da un’auto che...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi