La rete FREE cresce a macchia d’olio

Si è tenuto ieri, a cura dell’associazione studentesca Agorà presso l’Università di Fisciano, il convegno sul “fenomeno della corruzione all’interno della Pubblica Amministrazione”. Tra i...

Calendario dell’avvento di Sephora: le prime 6 caselle

Ciao amici! Nelle prime sei caselle del calendario dell'avvento di Sephora, tante belle sorprese. 1 dicembre: uno spray per il viso di Mario Badescu. E'...

Pozzuoli: domani accensione delle luminarie e spettacolo pirotecnico

Domani, mercoledì 7 dicembre, alle ore 18.00, presso il Rione Terra, ci sarà la prima accensione delle luminarie. L’evento sarà accompagnato da un suggestivo...

Voci dal carcere: Anna si racconta – settima parte

Anna ci ha insegnato a comprendere che da un momento all’altro si può cadere nel baratro della disperazione. È il racconto di una donna...

Pozzuoli: le dichiarazioni di DE NATALE dopo gli eventi sismici di oggi

Diversi eventi sismici si stanno registrando in queste ore nei Campi Flegrei, con scosse di varia intensità. Gli eventi più significativi sono stati avvertiti alle...

Caos sulla consegna degli avvisi di accertamento della TARI

La pubblica denuncia di una cittadina

Ricevo e pubblico: *

Gentile Giovanna, vorrei narrare ai Suoi lettori l’esperienza che ho vissuto in merito ad alcuni avvisi di giacenza depositati nelle cassette della posta, da parte di una società incaricata dal Comune di Pozzuoli. Ciò che è capitato a me è successo anche a molti condomini del parco nel quale abito. L’incaricato ha imbucato nelle cassette della posta un avviso di giacenza di raccomandata, pur essendo presenti in casa in quel momento i destinatari dell’avviso. Il fatto è accaduto il 14 gennaio ultimo scorso: io e buona parte dei miei vicini, abbiamo ricevuto una citofonata nella quale ci è stato riferito che c’era una raccomandata da consegnare.Preferisce che la lasciamo nella cassetta della posta oppure viene a ritirarla?”. Mi ha chiesto l’incaricato. E’ ovvio che ho risposto che preferivo ritirarla immediatamente visto che, in piena pandemia, tutti dicono che è meglio evitare contatti ravvicinati con estranei.

La normativa di emergenza, in realtà, prevede addirittura che il postino possa consegnare le raccomandate direttamente nelle cassette della posta dei destinatari. Questo per evitare di esporre postino ed utenti ad inutili rischi. Ciò detto mi sono recata, di lì a poco, a ritirare la raccomandata ma al suo posto ho trovato un “avviso di giacenza di raccomandata da parte del Comune di Pozzuoli” il quale presentava una serie di stranezze, e più precisamente:
1. Era interamente dattiloscritto, compresa la firma del messo notificatore; 
2. Riportava la data del 30/12/2020 pur essendo stato consegnato il 14/01/2021.
Nell’avviso veniva riportato che “l’atto poteva essere ritirato presso la sede del Comune di Pozzuoli” omettendo di specificare che sarebbe stata obbligatoria la prenotazione telefonica. Il giorno 15/01/2021, negli orari indicati, mi sono recata al Comune e mi è stato comunicato verbalmente che avrei dovuto prenotare il ritiro telefonando ad un numero che solo in quel momento mi veniva fornito. Durante la mia inutile visita al Comune mi è stato detto sempre dal dipendente, che questo episodio è successo a circa 7.500 utenti residenti sul territorio comunale; lo stesso mi incitava a scrivere una nota di reclamo contro la società incaricata alla distribuzione delle raccomandate e, in subordine, contro il Comune di Pozzuoli che affida le proprie raccomandate a società così tanto scorrette. In conclusione: ho telefonato il giorno 15/01/2021 e, dopo circa 4 ore di attesa dovuta alle migliaia di telefonate che si accavallavano, sono riuscita a prenotare il ritiro della raccomandata. 

ULTIMA SEGNALAZIONE, NON PER IMPORTANZA, È L’ADDEBITO DELLA SPESA DI NOTIFICA DELL’ATTO PARI AD €. 8,75, RITENUTA DALLA SCRIVENTE ESORBITANTE SOPRATTUTTO PER UN SERVIZIO NON RESO. RITENGO CHE IL COMUNE DEBBA PROVVEDERE AD AFFIDARE IL SERVIZIO DI RECAPITO DELLE RACCOMANDATE, E QUALUNQUE ALTRA ATTIVITA’, A SOCIETA’ ESTERNE AFFIDABILI, PREMUROSE ED ONESTE.”

*Teresa Saviano – Pozzuoli

Il Blog di Giò resta a disposizione per eventuali repliche o chiarimenti da parte del Comune e/o della società incaricata alle consegne.

 

Ultimi articoli pubblicati

La rete FREE cresce a macchia d’olio

Si è tenuto ieri, a cura dell’associazione studentesca Agorà presso l’Università di Fisciano, il convegno sul “fenomeno della corruzione all’interno della Pubblica Amministrazione”. Tra i...

Calendario dell’avvento di Sephora: le prime 6 caselle

Ciao amici! Nelle prime sei caselle del calendario dell'avvento di Sephora, tante belle sorprese. 1 dicembre: uno spray per il viso di Mario Badescu. E'...

Pozzuoli: domani accensione delle luminarie e spettacolo pirotecnico

Domani, mercoledì 7 dicembre, alle ore 18.00, presso il Rione Terra, ci sarà la prima accensione delle luminarie. L’evento sarà accompagnato da un suggestivo...

Voci dal carcere: Anna si racconta – settima parte

Anna ci ha insegnato a comprendere che da un momento all’altro si può cadere nel baratro della disperazione. È il racconto di una donna...

Pozzuoli: le dichiarazioni di DE NATALE dopo gli eventi sismici di oggi

Diversi eventi sismici si stanno registrando in queste ore nei Campi Flegrei, con scosse di varia intensità. Gli eventi più significativi sono stati avvertiti alle...

Articoli Correlati

La rete FREE cresce a macchia d’olio

Si è tenuto ieri, a cura dell’associazione studentesca Agorà presso l’Università di Fisciano, il convegno sul “fenomeno della corruzione all’interno della Pubblica Amministrazione”. Tra i...

Calendario dell’avvento di Sephora: le prime 6 caselle

Ciao amici! Nelle prime sei caselle del calendario dell'avvento di Sephora, tante belle sorprese. 1 dicembre: uno spray per il viso di Mario Badescu. E'...

Pozzuoli: domani accensione delle luminarie e spettacolo pirotecnico

Domani, mercoledì 7 dicembre, alle ore 18.00, presso il Rione Terra, ci sarà la prima accensione delle luminarie. L’evento sarà accompagnato da un suggestivo...

Voci dal carcere: Anna si racconta – settima parte

Anna ci ha insegnato a comprendere che da un momento all’altro si può cadere nel baratro della disperazione. È il racconto di una donna...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi