Voci dal Carcere: “il Signore ci ha messe al mondo libere”

Oggi, 30 luglio, si festeggia l’amicizia. Anna, lontana temporaneamente, non dimentica le sue compagne della Casa Circondariale di Pozzuoli. Una porzione del suo cuore è con loro. Il carcere è un luogo dove nella sofferenza possono nascere anche grandi legami, dove le donne che sono madri, figlie, sorelle, cercano nella compagna di cella gli affetti improvvisamente recisi.

Ecco la sua supplica rivolta a Dio misericordioso.

“Oggi sono qui tra voi con l’affetto e la sofferenza che insieme abbiamo condiviso tra lacrime ed abbracci disperati, sapori di solitudine e abbandono. Non perdiamo mai la Fede, ricordiamo sempre che il Signore ci ha messe al mondo libere da sbarre, da cattiverie e da ingiustizie… ed allora onoriamolo dimostrandogli che siamo capaci di riabilitarci su quella strada della lealtà e giustizia senza ledere nessuno ma regalando solo sorrisi ed amore.

Io sono qui per Voi ed è con Voi che mi inginocchio dinanzi alla sua potenza riponendo tutte le nostre lacrime nelle sue mani, Lui nella sua grandezza le trasformerà in perle di libertà per renderci diverse: donne, mamme.

Grazie Signore per esserci sempre….”

Ultimi articoli pubblicati

Articoli Correlati