Voci dal carcere: Anna si racconta – quattordicesima parte

La forza di Anna si regge sugli affetti più intimi. Il figlio le esprime il suo amore dedicandole una canzone di Luca Barbarossa il...

Pozzuoli – Raffaele stroncato da un malore a 30 anni

Raffaele Cacace, 30 anni, manutentore di piscine, si è sentito male nel pomeriggio di mercoledì mentre era a casa dei nonni. Dopo avergli prestato...

Finalissima Tale e Quale Show: intervista al puteolano Massimo Ronza

Lo scorso 14 gennaio il nostro concittadino Massimo Ronza ha vinto la puntata di Tale e Quale Show impersonando Fausto Leali, pertanto avrà accesso...

Nuove assunzioni a Poste Italiane: scadenza 12 febbraio

Poste Italiane effettuerà nuove assunzioni nel 2023 in diverse parti d’Italia: possono candidarsi laureati e diplomati. I vincitori del concorso avranno un contratto a tempo...

Nuovo costume per Carnevale 2023: Matteo Messina Denaro

Una denuncia sui social da parte del deputato Francesco Emilio Borrelli ha messo in luce una situazione a dir poco incresciosa: un bambino, sostenuto da...

Voci dal carcere: Anna si racconta – dodicesima parte

Anna propone il dodicesimo capitolo della sua storia. Mentre la vita scorre serena, gli eventi improvvisi ne cambiano il destino e la conducono verso un inesorabile epilogo. In fondo alla pagina è possibile leggere i capitoli precedenti.

“Dopo qualche giorno dall’intervista in ogni angolo della città mi imbattevo in edicole tappezzate di locandine con la mia foto e l’intervista. Oramai ero denominata “LADY MENSE”. Una mattina fui raggiunta da una telefonata della Procura della Repubblica ed invitata da un PM a recarmi presso il Tribunale di Viterbo. Fu uno scambio di domande, risposte ed idee su quello che stava avvenendo nella città sul capitolo delle mense. Dopo il primo articolo del noto giornale, la Procura aveva capito tutto sul gioco politico che si stava ripercuotendo sulla mia azienda.

Dopo aver raccontato episodi ed accadimenti, nonché mandati di pagamento bloccati relativi alle fatture emesse, fui redarguita sul futuro e sulla pericolosità dei fatti che avrebbero potuto portarmi fuori da quel lavoro del Centro Cottura.

Mi impegnai a procurare tutti i documenti che mi furono richiesti sulla gara d’appalto, sulle lamentele relative al cibo, e sui fax con le liste dei nominativi di persone da assumere. 

Con un appuntamento già prefissato con il PM, mi recai nuovamente da lui con il carteggio richiestomi ed in quella occasione fui informata che mi sarei dovuta sottoporre ad interrogatorio in presenza della squadra mobile che avrebbe provveduto a registrare le mie deposizioni. 

Oramai il debito che l’Ente aveva nei confronti dell’azienda era abbondantemente lievitato fino a determinare i primi problemi nei pagamenti. Fornitori e dipendenti venivano pagati con i soldi delle altre commesse campane, in attesa dell’erogazione di Viterbo.

La situazione crolló definitamente quando arrivò la rescissione del contratto per violazione di alcune clausole previste dal capitolato speciale d’appalto. Esse si riferivano alla qualità di alcune forniture e a episodi accaduti nelle scuole. 

SABOTAGGIO! Mi trovai dinanzi a un vero e proprio sabotaggio: non ci sono armi per combattere la Mafia Bianca. Se decide di distruggerti devi solo farti da parte perché combattere risulta essere solo uno spreco di energie e denaro, per poi comunque perdere. Tutto ciò l’ho imparato più tardi a mie spese e sulla mia pelle.

Era il 2007 quando arrivò la rescissione, tra la disperazione dei miei operai. Li riuscii a tutelare con il Contratto Nazionale Collettivo che prevedeva il passaggio ad altro cantiere per tutti coloro che avevano stipulato a tempo indeterminato.

Non volli trascorrere altro tempo in quel posto che mi aveva dato tante gioie e soddisfazioni, un territorio sul quale avevo investito tanti soldi e avevo avanti tanti anni ancora da pagare, in quanto l’ammortizzo era stato previsto per 5 anni e sul quale oggi tirava un’aria pesante. “Lady Mense” lasciava Viterbo, andava lontano dagli attacchi infondati e creati a dovere per distruggere tutto il lavoro e lasciate spazio ad un’altra azienda. Io avevo lavorato sodo, avevo erroneamente creduto di poter investire tanti soldi e alla fine ero stata costretta a fronteggiare tante perdite.

Arrivata a casa e raccolta nei miei pensieri e preoccupazioni, mi resi conto che si era chiuso un capitolo della mia vita lavorativa ed anche affettiva per le tante amicizie che avevo stretto sul territorio. Quell’aria di serenità che Viterbo mi aveva dato per 10 anni si dissolveva nel peggiore dei modi, ero sola in un baratro totale. Ma non mi pentivo di nulla, avevo sempre fatto il mio dovere e anche di più. Lotte, combattimenti, corse… 

Ritornai a svolgere il lavoro di sempre, continuavo a partecipare alle gare d’appalto occupandomi del centro Cottura di Villa Literno”…

SEGUE

RILEGGI I CAPITOLI PRECEDENTI:

CLICCA QUI per la prima parte;

CLICCA QUI per la seconda parte;

CLICCA QUI per la terza parte;

CLICCA QUI per la quarta parte;

CLICCA QUI per la quinta parte;

CLICCA QUI per la sesta parte;

CLICCA QUI per la settima parte;

CLICCA QUI per la ottava parte;

CLICCA QUI per la nona parte;

CLICCA QUI per la decima parte;

CLICCA QUI per l’undicesima parte.

 

Ultimi articoli pubblicati

Voci dal carcere: Anna si racconta – quattordicesima parte

La forza di Anna si regge sugli affetti più intimi. Il figlio le esprime il suo amore dedicandole una canzone di Luca Barbarossa il...

Pozzuoli – Raffaele stroncato da un malore a 30 anni

Raffaele Cacace, 30 anni, manutentore di piscine, si è sentito male nel pomeriggio di mercoledì mentre era a casa dei nonni. Dopo avergli prestato...

Finalissima Tale e Quale Show: intervista al puteolano Massimo Ronza

Lo scorso 14 gennaio il nostro concittadino Massimo Ronza ha vinto la puntata di Tale e Quale Show impersonando Fausto Leali, pertanto avrà accesso...

Nuove assunzioni a Poste Italiane: scadenza 12 febbraio

Poste Italiane effettuerà nuove assunzioni nel 2023 in diverse parti d’Italia: possono candidarsi laureati e diplomati. I vincitori del concorso avranno un contratto a tempo...

Nuovo costume per Carnevale 2023: Matteo Messina Denaro

Una denuncia sui social da parte del deputato Francesco Emilio Borrelli ha messo in luce una situazione a dir poco incresciosa: un bambino, sostenuto da...

Articoli Correlati

Voci dal carcere: Anna si racconta – quattordicesima parte

La forza di Anna si regge sugli affetti più intimi. Il figlio le esprime il suo amore dedicandole una canzone di Luca Barbarossa il...

Pozzuoli – Raffaele stroncato da un malore a 30 anni

Raffaele Cacace, 30 anni, manutentore di piscine, si è sentito male nel pomeriggio di mercoledì mentre era a casa dei nonni. Dopo avergli prestato...

Finalissima Tale e Quale Show: intervista al puteolano Massimo Ronza

Lo scorso 14 gennaio il nostro concittadino Massimo Ronza ha vinto la puntata di Tale e Quale Show impersonando Fausto Leali, pertanto avrà accesso...

Nuove assunzioni a Poste Italiane: scadenza 12 febbraio

Poste Italiane effettuerà nuove assunzioni nel 2023 in diverse parti d’Italia: possono candidarsi laureati e diplomati. I vincitori del concorso avranno un contratto a tempo...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi