Voci dal carcere: Anna si racconta – sesta parte

Ecco la sesta parte della narrazione di Anna, detenuta presso il carcere di Pozzuoli. La sua storia ha appassionato tanti lettori. Per ripercorrere le...

Un dono natalizio per le detenute di Pozzuoli

Il Natale si avvicina e l'aria frizzante dell'inverno che è alle porte, ci spinge già a programmare l'evento più caro e sentito dalle famiglie....

Pozzuoli: colpita dall’alluvione la zona di Licola

Anche Pozzuoli è in ginocchio a causa del maltempo che sta flagellando la Campania da 24 ore: via delle Colmate e la piana di Licola...

Ludovica Nasti a Verissimo

E' stata ospite di Verissimo su Canale 5 la nostra giovane concittadina Ludovica Nasti. Solare e spigliata, ha ripercorso la sua vita raccontando del...

Alluvione a Casamicciola: frana la montagna

E' un film già visto: come nel 2009, una gran massa di acqua, fango e detriti a Casamicciola si è riversata verso il mare,...

Siamo nati per sperare e per sognare: BUONA PASQUA

Speranza e sogno sono gli elementi che ci spingono ad andare avanti e a cercare la luce in fondo al tunnel.

Di Mark Oden – Pastore Chiesa Evangelica Neapolis

“In una fabbrica di giocattoli fuori Napoli, Ciro e Gennaro vengono assunti per un lavoro manuale e monotono. 8 ore al giorno per un anno intero, 365 giorni. A Ciro vengono promessi 15 mila euro alla fine dellanno, a Gennaro 15 milioni di euro. Quale sarà la loro esperienza individuale di questo lavoro? Ciro dopo un mese si lamenta, il lavoro è una noia mortale. Gennaro invece, anche se fa lo stesso identico lavoro, lo fa con gioia nel cuore, cantando. Come mai queste esperienze diverse? Risposta: siamo nati per sognare e per sperare. Una speranza futura può cambiare radicalmente il presente.

Non è a caso che cantiamo Facci sognaredalle curve degli stadi, questo è il canto del nostro cuore. Il problema è quando i nostri sogni non vengono realizzati o, peggio ancora, vengono trasformati in incubi. Così è successo a molti di noi in questi ultimi anni a causa dei lock down. Più di 100 mila famiglie hanno perso dei cari a causa del Covid 19.
Certo, raccontiamo favole ai nostri figli prima che si addormentino, il principe che uccide il drago per liberare la principessa, poi si sposano e vivono felici e contenti. Ma poi ritorniamo alla realtà, alla vita quotidiana piena di dolore, depressione. Facci sognaregridiamo, e passa un altro anno dove la nostra squadra ci delude. In cosa possiamo sperare? Dove posso andare per sognare?

LApostolo Paolo risponde ricordandoci i fatti del Vangelo: Poiché vi ho prima di tutto trasmesso, come lho ricevuto anchio, che Cristo morì per i nostri peccati, secondo le Scritture; che fu seppellito; che è stato risuscitato il terzo giorno, secondo le Scritture …” (1 Corinzi 15:3-4). Questo messaggio di speranza si basa sui fatti della morte e della risurrezione di Cristo. Una morte fisica, una risurrezione fisica. Cristo è risorto, non c’è nulla di spirituale o metaforico in questo evento, secondo Paolo è veramente successo. Cera la tomba vuota, ma non solo, cerano anche i testimoni oculari. Paolo continua:

– … che apparve a Cefa, poi ai dodici. Poi apparve a più di cinquecento fratelli in una volta, dei quali la maggior parte rimane ancora in vita e alcuni sono morti. Poi apparve a Giacomo, poi a tutti gli apostoli; e, ultimo di tutti, apparve anche a me.(1 Corinzi 15:5-8) Il Cristo risorto si è presentato in diversi momenti, a individui, a piccoli gruppi e a grandi gruppi, in diversi posti.

Obiezione: erano distrutti dal dolore, e nella loro disperazione hanno avuto delle allucinazioni. Nella storia della medicina moderna non è mai successo che diverse persone, in diversi posti, in momenti diversi abbiano tutti avuto la stessa allucinazione. Poi, secondo i Vangeli, Gesù ha mangiato insieme ai suoi discepoli e li ha invitati a toccarlo. Per credere alla teoria delle allucinazioni bisogna essere pronti a fare un salto nel buio. In questo elenco di testimoni oculari, tre uomini vengono menzionati per nome, Cefa, o Pietro, il più grande amico di Gesù, Giacomo, il fratello di Gesù e Paolo (lautore), il più grande nemico di Gesù. Qualcosa è successo per convincere questi tre uomini che Gesù fosse Dio. Domanda: cosa dovresti fare tu, per convince il tuo più grande amico, tuo fratello e il tuo più grande nemico che sei Dio? Morire fisicamente e poi risorgere fisicamente.

Obiezione: erano uomini semplici, dei pescatori primitivi. Hanno sbagliato senza avere il beneficio delleducazione, della scienza e della medicina. Ovviamente non erano persone del 21esimo secolo, ma per capire i fatti di quella prima Pasqua, cera bisogno di una cosa sola: capire la differenza tra la morte e la vita. Gesù inchiodato su una croce romana dopo essere stato torturato e flagellato. Vivo o morto? Cera polso, respirava o no?

Risorto, camminava, mangiava, parlava – vivo o morto? Non penso che ci vuole una laurea in medicina per distinguere tra la vita e la morte. Poi forse ai tempi dellImpero Romano, la gente era un po’ più capace di oggi di distinguere tra i due stati.

Una tomba vuota, una valanga di testimoni oculari, conclusione: Gesù veramente è risorto. Se questo è vero abbiamo una risposta meravigliosa alla nostra domanda: In cosa posso sperare? Dove posso andare per sognare? Cristo risorto. Il mondo dei nostri sogni e la nostra realtà sincontrano nella morte e risurrezione di Gesù e solo lì. Un sogno che è diventato carne e ossa risuscitato, una favola che ha indossato fatti storici, un mito che si è manifestato nel mondo reale. Chi crede in questa buona notizia ha vita eterna. Credi tu questo?(Giovanni 11:26) Davanti alla morte, davanti ad una pandemia globale, alla guerra…davanti alle sfide di questa vita esiste una solo speranza solida. Cristo è morto, Cristo è risorto.
Buona Pasqua
”.

Potrebbe interessarti anche :

Voci dal carcere: “Abbiamo implorato il perdono ed Egli ci aveva già perdonato”

Ultimi articoli pubblicati

Voci dal carcere: Anna si racconta – sesta parte

Ecco la sesta parte della narrazione di Anna, detenuta presso il carcere di Pozzuoli. La sua storia ha appassionato tanti lettori. Per ripercorrere le...

Un dono natalizio per le detenute di Pozzuoli

Il Natale si avvicina e l'aria frizzante dell'inverno che è alle porte, ci spinge già a programmare l'evento più caro e sentito dalle famiglie....

Pozzuoli: colpita dall’alluvione la zona di Licola

Anche Pozzuoli è in ginocchio a causa del maltempo che sta flagellando la Campania da 24 ore: via delle Colmate e la piana di Licola...

Ludovica Nasti a Verissimo

E' stata ospite di Verissimo su Canale 5 la nostra giovane concittadina Ludovica Nasti. Solare e spigliata, ha ripercorso la sua vita raccontando del...

Alluvione a Casamicciola: frana la montagna

E' un film già visto: come nel 2009, una gran massa di acqua, fango e detriti a Casamicciola si è riversata verso il mare,...

Articoli Correlati

Voci dal carcere: Anna si racconta – sesta parte

Ecco la sesta parte della narrazione di Anna, detenuta presso il carcere di Pozzuoli. La sua storia ha appassionato tanti lettori. Per ripercorrere le...

Un dono natalizio per le detenute di Pozzuoli

Il Natale si avvicina e l'aria frizzante dell'inverno che è alle porte, ci spinge già a programmare l'evento più caro e sentito dalle famiglie....

Pozzuoli: colpita dall’alluvione la zona di Licola

Anche Pozzuoli è in ginocchio a causa del maltempo che sta flagellando la Campania da 24 ore: via delle Colmate e la piana di Licola...

Ludovica Nasti a Verissimo

E' stata ospite di Verissimo su Canale 5 la nostra giovane concittadina Ludovica Nasti. Solare e spigliata, ha ripercorso la sua vita raccontando del...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi