Voci dal carcere: Anna si racconta – sesta parte

Ecco la sesta parte della narrazione di Anna, detenuta presso il carcere di Pozzuoli. La sua storia ha appassionato tanti lettori. Per ripercorrere le...

Un dono natalizio per le detenute di Pozzuoli

Il Natale si avvicina e l'aria frizzante dell'inverno che è alle porte, ci spinge già a programmare l'evento più caro e sentito dalle famiglie....

Pozzuoli: colpita dall’alluvione la zona di Licola

Anche Pozzuoli è in ginocchio a causa del maltempo che sta flagellando la Campania da 24 ore: via delle Colmate e la piana di Licola...

Ludovica Nasti a Verissimo

E' stata ospite di Verissimo su Canale 5 la nostra giovane concittadina Ludovica Nasti. Solare e spigliata, ha ripercorso la sua vita raccontando del...

Alluvione a Casamicciola: frana la montagna

E' un film già visto: come nel 2009, una gran massa di acqua, fango e detriti a Casamicciola si è riversata verso il mare,...

Riforma delle pensioni: proposte impraticabili

NO a superamento di “quota 100” oppure all’ introduzione della “pensione in due tempi”. SI a separazione tra previdenza ed assistenza, con gratuità del riscatto degli anni di laurea

In questo periodo si sta sviluppando un ampio dibattito sulla riforma delle pensioni in vista della manovra economica del 2022. Trattasi di un tema molto delicato  e sentito. La soluzione prospettata dal Presidente Draghi è quella di superare la “quota 100”, di portarla a 102 e poi a 104, ma ad oggi non ha trovato il consenso necessario, a partire da Salvini e dalle OO.SS. per i quali oggi è previsto un incontro con il Governo.

La proposta del Presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, presentata in Parlamento, riguarda  l’introduzione della “pensione in due tempi” quale unica soluzione “davvero flessibile e finanziariamente compatibile” nei costi , con una platea che risulterebbe  molto più consistente della sperimentazione riferita alla “quota 100”. In effetti coloro che hanno compiuto 63-64 anni con almeno 20 anni di servizio e che volessero lasciare il lavoro, avrebbero solo la quota contributiva della pensione, purchè l’importo sia superiore di 1,2 volte l’assegno sociale. La pensione  comprensiva anche della parte retributiva la prenderebbe al compimento dei 67 anni.

Questa proposta non sarebbe praticabile per la stragrande maggioranza dei lavoratori, molti dei quali hanno iniziato a lavorare non in giovane età, per  cui l’assegno riferito alla parte contributiva sarebbe inferiore a quella sociale. Ed allora si ritorna ad una  vecchia proposta, che nessuna forza politica ha voluto sostenere negli anni, e che riguarda la separazione tra previdenza ed assistenza. Diventa sempre più inaccettabile che con i contributi dei lavoratori si  continuino a finanziare le varie forme di assistenza, per cui bisogna ricorrere ai salti mortali per far quadrare i conti, allungando l’età pensionabile con la giustificazione che si sono allungati gli anni di aspettativa di vita.

Per le varie forme di assistenza,  come  per il reddito di cittadinanza, sarebbe necessaria una specifica copertura finanziaria. In tal caso ci sarebbe la compatibilità dei conti Inps e la possibilità di  prevedere un  sistema volontario di poter andare in pensione con 60 anni di età e almeno 20 anni di servizio. Diventerebbe sostenibile anche la proposta di Tridico, sulla gratuità del riscatto di almeno due anni dei corsi di laurea ai fini pensionistici. Ciò favorirebbe il recupero del gap dell’Italia sul numero basso dei laureati e si introdurrebbe un riconoscimento a chi con sacrifici si è dedicato allo studio, non dimenticando che in Germania   è previsto addirittura  il riscatto gratuito degli ultimi due anni delle scuole secondarie superiori. Si spera che su questi delicati problemi il Presidente Draghi abbia la volontà di fare una seria riflessione, senza confermare il suo motto “filo diritto”, ignorando dissensi e proposte.

Ultimi articoli pubblicati

Voci dal carcere: Anna si racconta – sesta parte

Ecco la sesta parte della narrazione di Anna, detenuta presso il carcere di Pozzuoli. La sua storia ha appassionato tanti lettori. Per ripercorrere le...

Un dono natalizio per le detenute di Pozzuoli

Il Natale si avvicina e l'aria frizzante dell'inverno che è alle porte, ci spinge già a programmare l'evento più caro e sentito dalle famiglie....

Pozzuoli: colpita dall’alluvione la zona di Licola

Anche Pozzuoli è in ginocchio a causa del maltempo che sta flagellando la Campania da 24 ore: via delle Colmate e la piana di Licola...

Ludovica Nasti a Verissimo

E' stata ospite di Verissimo su Canale 5 la nostra giovane concittadina Ludovica Nasti. Solare e spigliata, ha ripercorso la sua vita raccontando del...

Alluvione a Casamicciola: frana la montagna

E' un film già visto: come nel 2009, una gran massa di acqua, fango e detriti a Casamicciola si è riversata verso il mare,...

Articoli Correlati

Voci dal carcere: Anna si racconta – sesta parte

Ecco la sesta parte della narrazione di Anna, detenuta presso il carcere di Pozzuoli. La sua storia ha appassionato tanti lettori. Per ripercorrere le...

Un dono natalizio per le detenute di Pozzuoli

Il Natale si avvicina e l'aria frizzante dell'inverno che è alle porte, ci spinge già a programmare l'evento più caro e sentito dalle famiglie....

Pozzuoli: colpita dall’alluvione la zona di Licola

Anche Pozzuoli è in ginocchio a causa del maltempo che sta flagellando la Campania da 24 ore: via delle Colmate e la piana di Licola...

Ludovica Nasti a Verissimo

E' stata ospite di Verissimo su Canale 5 la nostra giovane concittadina Ludovica Nasti. Solare e spigliata, ha ripercorso la sua vita raccontando del...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi