La rete FREE cresce a macchia d’olio

Si è tenuto ieri, a cura dell’associazione studentesca Agorà presso l’Università di Fisciano, il convegno sul “fenomeno della corruzione all’interno della Pubblica Amministrazione”. Tra i...

Calendario dell’avvento di Sephora: le prime 6 caselle

Ciao amici! Nelle prime sei caselle del calendario dell'avvento di Sephora, tante belle sorprese. 1 dicembre: uno spray per il viso di Mario Badescu. E'...

Pozzuoli: domani accensione delle luminarie e spettacolo pirotecnico

Domani, mercoledì 7 dicembre, alle ore 18.00, presso il Rione Terra, ci sarà la prima accensione delle luminarie. L’evento sarà accompagnato da un suggestivo...

Voci dal carcere: Anna si racconta – settima parte

Anna ci ha insegnato a comprendere che da un momento all’altro si può cadere nel baratro della disperazione. È il racconto di una donna...

Pozzuoli: le dichiarazioni di DE NATALE dopo gli eventi sismici di oggi

Diversi eventi sismici si stanno registrando in queste ore nei Campi Flegrei, con scosse di varia intensità. Gli eventi più significativi sono stati avvertiti alle...

PIANETA SCUOLA – a cura di Ennio Silvano Varchetta

Riflessioni DADentro (1^ parte)

Con lo scoppio dell’emergenza sanitaria causata dal Covid 19, esattamente dal mese di marzo 2020 abbiamo iniziato a sentire parlare, in riferimento alla scuola, sempre più frequentemente di DAD, ovvero di Didattica a Distanza. Non potendo recarsi fisicamente a scuola, sappiamo che gli alunni e le alunne di ogni ordine e grado hanno fatto uso dei computer e delle nuove tecnologie per seguire da casa le lezioni degli insegnanti, che si svolgevano in modalità sincrona tramite piattaforme digitali come Zoom o GSuite e/o in modalità asincrona tramite registrazioni audio, video, slide e file digitali. Una vera e propria scuola virtuale costruita sulla necessità di far fronte alla pandemia. I docenti hanno sperimentato ed improvvisato, ognuno con modalità differenti, un modo di fare scuola di fatto mai utilizzato e che ha colto impreparati i più.

Nonostante le difficoltà e le numerose polemiche la Dad si è protratta sino a giugno del 2020 e poi ha ripreso grosso modo ad ottobre. La cosa ha visto anche mobilitarsi le famiglie con problematiche legate ai dispositivi elettronici e al sovraccarico della rete internet. Per gli studenti più piccoli si è resa necessaria poi la presenza quasi costante dei genitori durante le lezioni virtuali. Con l’inizio del nuovo anno scolastico, a settembre 2020, le scuole hanno cercato di attrezzarsi e di non farsi cogliere impreparate. E ad ottobre, come dicevamo, è ritornata preponderante in quasi tutte le scuole. Eventualità che diventata certezza per molte classi della primaria e secondaria di primo grado che si trovavano a casa in quarantena cautelativa e per tutte le secondarie di secondo grado. Cosa dire di questa forma di didattica ora, speriamo, alle nostre spalle? Non vi è dubbio che fare scuola in presenza abbia dei benefici e presenta degli aspetti positivi che sono sotto gli occhi di tutti. Innanzitutto la presenza favorisce l’interazione docente-studente e tra gli studenti stessi. I ragazzi possono beneficiare del contatto umano, di una comunicazione diretta fatta di parole, ascolto, gestualità che fanno la differenza nel processo di formazione e nella comprensione di ciò che viene trasmesso, soprattutto per gli allievi più piccoli. Nella lezione vis a vis il docente può cogliere dei segnali da chi ascolta che gli permettono di rimodulare il proprio intervento e creare un rapporto, un aggancio con i ragazzi, che, se positivo, favorisce grandemente benessere ed apprendimento. Gli studenti poi non si trovano soli durante l’intero processo, come succede, per esempio, nella modalità asincrona della DAD. In ogni caso la didattica a distanza per situazioni di tutela della salute pubblica diventa necessaria e presenta qualche vantaggio. Innanzitutto la DAD permette formazione senza necessità di spostarsi, risparmiando tempo e denaro. Genera grande flessibilità, conciliando anche diversi impegni, questo soprattutto per la modalità asincrona. Nel caso specifico della situazione pandemica, riduce la possibilità di essere contagiati attraverso contatti diretti ed indiretti e di poter seguire le lezioni senza l’uso costante e spesso sgradevole della mascherina, misura diventata obbligatoria, e senza richiamare costantemente i ragazzi all’utilizzo di gel sanificanti e al distanziamento.

Ultimi articoli pubblicati

La rete FREE cresce a macchia d’olio

Si è tenuto ieri, a cura dell’associazione studentesca Agorà presso l’Università di Fisciano, il convegno sul “fenomeno della corruzione all’interno della Pubblica Amministrazione”. Tra i...

Calendario dell’avvento di Sephora: le prime 6 caselle

Ciao amici! Nelle prime sei caselle del calendario dell'avvento di Sephora, tante belle sorprese. 1 dicembre: uno spray per il viso di Mario Badescu. E'...

Pozzuoli: domani accensione delle luminarie e spettacolo pirotecnico

Domani, mercoledì 7 dicembre, alle ore 18.00, presso il Rione Terra, ci sarà la prima accensione delle luminarie. L’evento sarà accompagnato da un suggestivo...

Voci dal carcere: Anna si racconta – settima parte

Anna ci ha insegnato a comprendere che da un momento all’altro si può cadere nel baratro della disperazione. È il racconto di una donna...

Pozzuoli: le dichiarazioni di DE NATALE dopo gli eventi sismici di oggi

Diversi eventi sismici si stanno registrando in queste ore nei Campi Flegrei, con scosse di varia intensità. Gli eventi più significativi sono stati avvertiti alle...

Articoli Correlati

La rete FREE cresce a macchia d’olio

Si è tenuto ieri, a cura dell’associazione studentesca Agorà presso l’Università di Fisciano, il convegno sul “fenomeno della corruzione all’interno della Pubblica Amministrazione”. Tra i...

Calendario dell’avvento di Sephora: le prime 6 caselle

Ciao amici! Nelle prime sei caselle del calendario dell'avvento di Sephora, tante belle sorprese. 1 dicembre: uno spray per il viso di Mario Badescu. E'...

Pozzuoli: domani accensione delle luminarie e spettacolo pirotecnico

Domani, mercoledì 7 dicembre, alle ore 18.00, presso il Rione Terra, ci sarà la prima accensione delle luminarie. L’evento sarà accompagnato da un suggestivo...

Voci dal carcere: Anna si racconta – settima parte

Anna ci ha insegnato a comprendere che da un momento all’altro si può cadere nel baratro della disperazione. È il racconto di una donna...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi