Voci dal carcere: Anna si racconta – quattordicesima parte

La forza di Anna si regge sugli affetti più intimi. Il figlio le esprime il suo amore dedicandole una canzone di Luca Barbarossa il...

Pozzuoli – Raffaele stroncato da un malore a 30 anni

Raffaele Cacace, 30 anni, manutentore di piscine, si è sentito male nel pomeriggio di mercoledì mentre era a casa dei nonni. Dopo avergli prestato...

Finalissima Tale e Quale Show: intervista al puteolano Massimo Ronza

Lo scorso 14 gennaio il nostro concittadino Massimo Ronza ha vinto la puntata di Tale e Quale Show impersonando Fausto Leali, pertanto avrà accesso...

Nuove assunzioni a Poste Italiane: scadenza 12 febbraio

Poste Italiane effettuerà nuove assunzioni nel 2023 in diverse parti d’Italia: possono candidarsi laureati e diplomati. I vincitori del concorso avranno un contratto a tempo...

Nuovo costume per Carnevale 2023: Matteo Messina Denaro

Una denuncia sui social da parte del deputato Francesco Emilio Borrelli ha messo in luce una situazione a dir poco incresciosa: un bambino, sostenuto da...

Lo studio: “Il cervello umano si è ridotto”

I nostri progenitori erano più intelligenti?

Uno studio pubblicato su Frontiers in Ecology and Evolution ha gettato nuova luce sull’evoluzione del cervello. Un team di ricercatori del Dartmouth College di Hanover ha ipotizzato che esso sia diminuito in dimensioni rispetto a 3000 anni fa.

Il motivo per cui il nostro cervello si è ridotto è stato da sempre un gran mistero per gli antropologi” – afferma a Fortune Italia Antonio Giordano, fondatore e direttore dello Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine della Temple University di Filadelfia e professore di Anatomia ed Istologia Patologica all’Università di Siena (www.drantoniogiordano.comwww.shro.org) – Il team del Dartmouth College ha anche osservato come nelle prime fasi dell’evoluzione umana il cervello sia cresciuto in modo significativo, considerando che quello dell’australopiteco di oltre 3 milioni di anni fa superava appena i 400 grammi, simile cioè a quello di uno scimpanzé o di un gorilla, mentre  più tardi quello dell’Homo habilis arrivava a pesarne 600 grammi”.

E noi? “La massa cerebrale dell’Homo sapiens, la specie a cui apparteniamo, è attualmente di 1.350 grammi – precisa Giordano – L’aumento delle dimensioni del cervello è andato parallelamente ai progressi raggiunti, grazie ad una dieta migliore e gruppi sociali più ampi, unitamente a scoperte tecnologiche avanzate. Eppure il nostro cervello si è ridotto rispetto a quello degli individui del Pleistocene”.

A questo dato – spiega lo scienziato – si è arrivati analizzando 985 crani fossili e di umani moderni. I ricercatori ritengono che la riduzione sia avvenuta a causa di un fenomeno noto come ‘intelligenza collettiva’, cioè lo scambio di informazioni tra grandi gruppi umani e grazie alla divisione dei compiti e del lavoro. Il team della Dartmouth ha dunque affermato che rispetto a 3000 anni fa il nostro cervello si è ridotto del 10%”.

Attraverso l’osservazione delle formiche e della loro organizzazione sociale, si è arrivati a capire come il processo decisionale di gruppo e la divisione del lavoro, nonché la produzione e il procacciare il cibo in gruppo, abbia indotto delle abitudini che consolidandosi hanno reso i gruppi cooperanti più forti del singolo individuo, tanto da influenzare nel tempo i cambiamenti delle dimensioni del cervello umano, continua Giordano.

“I nostri progenitori avevano sì il cervello di dimensioni maggiori, ma la vera evoluzione sociale, pur avendo prodotto una diminuzione del 10% del volume dello stesso, ha indicato come il fatto  di  vivere in gruppo abbia assicurato cooperazione e sopravvivenza”.

L’evoluzione sociale – sintetizza lo scienziato – vale bene una ridotta dimensione cerebrale, insegnandoci, a distanza di secoli,  che l’individualismo dei nostri progenitori sviluppava molte competenze e attitudini per necessità, dato che agivano e si sostentavano senza l’ausilio di un gruppo, ma che questa caratteristica  non asseconda il processo evolutivo, il superamento degli ostacoli e lo sviluppo della società umana”.

Si ringrazia: www.fortuneita.com

www.drantoniogiordano.com

Ultimi articoli pubblicati

Voci dal carcere: Anna si racconta – quattordicesima parte

La forza di Anna si regge sugli affetti più intimi. Il figlio le esprime il suo amore dedicandole una canzone di Luca Barbarossa il...

Pozzuoli – Raffaele stroncato da un malore a 30 anni

Raffaele Cacace, 30 anni, manutentore di piscine, si è sentito male nel pomeriggio di mercoledì mentre era a casa dei nonni. Dopo avergli prestato...

Finalissima Tale e Quale Show: intervista al puteolano Massimo Ronza

Lo scorso 14 gennaio il nostro concittadino Massimo Ronza ha vinto la puntata di Tale e Quale Show impersonando Fausto Leali, pertanto avrà accesso...

Nuove assunzioni a Poste Italiane: scadenza 12 febbraio

Poste Italiane effettuerà nuove assunzioni nel 2023 in diverse parti d’Italia: possono candidarsi laureati e diplomati. I vincitori del concorso avranno un contratto a tempo...

Nuovo costume per Carnevale 2023: Matteo Messina Denaro

Una denuncia sui social da parte del deputato Francesco Emilio Borrelli ha messo in luce una situazione a dir poco incresciosa: un bambino, sostenuto da...

Articoli Correlati

Voci dal carcere: Anna si racconta – quattordicesima parte

La forza di Anna si regge sugli affetti più intimi. Il figlio le esprime il suo amore dedicandole una canzone di Luca Barbarossa il...

Pozzuoli – Raffaele stroncato da un malore a 30 anni

Raffaele Cacace, 30 anni, manutentore di piscine, si è sentito male nel pomeriggio di mercoledì mentre era a casa dei nonni. Dopo avergli prestato...

Finalissima Tale e Quale Show: intervista al puteolano Massimo Ronza

Lo scorso 14 gennaio il nostro concittadino Massimo Ronza ha vinto la puntata di Tale e Quale Show impersonando Fausto Leali, pertanto avrà accesso...

Nuove assunzioni a Poste Italiane: scadenza 12 febbraio

Poste Italiane effettuerà nuove assunzioni nel 2023 in diverse parti d’Italia: possono candidarsi laureati e diplomati. I vincitori del concorso avranno un contratto a tempo...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi