Pozzuoli – I vigili urbani come sceriffi: l’amara protesta di un cittadino

*Ricevo e pubblico: “Nonostante sia cambiata l’amministrazione comunale, Pozzuoli continua ad essere popolata da sceriffi: i nostri vigili urbani. È al Sindaco ed al Comandante...

Pozzuoli in lutto per Sabrina Pisellini: una vita spezzata a 38 anni

È rientrata a Pozzuoli la salma di Sabrina Pisellini, la nostra concittadina che viveva a Milano da qualche anno, dove lavorava come estetista. I...

Bando “Home Care Premium”: assistenza ad un familiare non autosufficiente

Sono stati pubblicati i bandi INPS di concorso Home Care Premium – HCP 2022 e Long Term Care – LTC 2022 per i dipendenti e...

Investita sul monopattino in via Solfatara a Pozzuoli

Ricevo e pubblico * “Gentile Giovanna, ieri intorno alle 15 salivo Via Solfatara con il monopattino. All’altezza del Bar d’Angelo, sono stata investita da un’auto che...

Elda Salemme canta Springsteen: i Campi Flegrei rappresentati alla “On the Road” di Bergamo

Domenica 4 settembre a Sant’Agostino, Bergamo, nell’ambito della rassegna ON THE ROAD – Bergamo Racconta Springsteen, giunta alla sesta edizione, si svolgerà la finalissima...

La “Scuola in ospedale”: volti, storie, timori

La scuola in ospedale ha garantito ai più fragili studio, condivisione e socialità LE ESPERIENZE IN CORSIA CONTINUATE DURANTE TUTTO IL LOCKDOWN

PiAnEtA ScUoLa
a cura di ennio silvano varchetta

Allo scopo di non interrompere il percorso formativo e perseverare l’impegno educativo dei valori dell’accoglienza, della solidarietà e dell’inclusione, la scuola per tutto il tempo del lock down si è spostata in corsia. In un momento in cui l’uomo è stato portato a diffidare dell’altro, a distaccarsi in modo precauzionale, in cui le frequenti chiusure, la didattica a distanza e la didattica integrata hanno limitato i rapporti relazionali, la “Scuola in ospedale” non ha mai smesso di lavorare in presenza, vivendo con questi alunni più fragili un’esperienza viva e palpitante. Lo studio, la condivisione, la socialità sono stati il quotidiano, nel quale alunni e insegnanti hanno camminato, garantendo l’istruzione ma anche momenti di preziosa normalità, fatta di gesti e attenzioni che, creando un’atmosfera serena, sono stati una parte importante della “cura”. Con la “Scuola in ospedale” bambini e ragazzi costretti in corsia dalla malattia possono continuare a frequentare grazie all’impegno di docenti inseriti nell’organico speciale di questo straordinario percorso formativo. È presente a Napoli e nella sua provincia ma quasi in tutta Italia. Affinché sia attiva c’è bisogno di un reparto di Pediatria in corsia. Copre l’intero percorso scolastico, dall’Infanzia alla scuola Secondaria di secondo grado. L’organico è fluttuante, come per la “Scuola in carcere”, poiché legato alle necessità di bambini e ragazzi ricoverati. È un servizio mirato per i degenti di medio e lungo periodo, e pure in “day hospital” ma con caratteristiche particolari. La “Scuola in ospedale” ha un registro elettronico nazionale in quanto è possibile che cambi la struttura nella quale si è in cura e quindi si frequentano le lezioni, perciò è necessario che presenze e il resto siano visionabili da tutti i docenti. L’orario in genere va dalle 8 del mattino alle 16 del pomeriggio, in base alle esigenze degli studenti. Decine le storie scritte da alunni e prof e tanti gli obiettivi raggiunti.

Dal progetto Clown di…, alla cattedra con le rotelle nella clinica pediatrica di ..al Progetto accoglienza “Un mare di emozioni” della primaria nell’ospedale …, dall’attività “A scuola di sorrisi” di …, al laboratorio di pasticceria del reparto di…, alla Robotica educativa di … In parallelo si muove la “Scuola a domicilio” che può essere richiesta dalla famiglia del bambino con gravi problemi di salute per ottenere lezioni a casa quando il piccolo è impossibilitato a muoversi. Si tratta di un altro, meraviglioso, racconto di civiltà e aiuto, vicinanza e solidarietà. Una bella pagina pedagogica scritta ogni giorno da docenti che restano lontano dai riflettori, impegnano le loro energie e la loro professionalità lavorando in silenzio e contribuendo a “costruire” identità.

Ultimi articoli pubblicati

Pozzuoli – I vigili urbani come sceriffi: l’amara protesta di un cittadino

*Ricevo e pubblico: “Nonostante sia cambiata l’amministrazione comunale, Pozzuoli continua ad essere popolata da sceriffi: i nostri vigili urbani. È al Sindaco ed al Comandante...

Pozzuoli in lutto per Sabrina Pisellini: una vita spezzata a 38 anni

È rientrata a Pozzuoli la salma di Sabrina Pisellini, la nostra concittadina che viveva a Milano da qualche anno, dove lavorava come estetista. I...

Bando “Home Care Premium”: assistenza ad un familiare non autosufficiente

Sono stati pubblicati i bandi INPS di concorso Home Care Premium – HCP 2022 e Long Term Care – LTC 2022 per i dipendenti e...

Investita sul monopattino in via Solfatara a Pozzuoli

Ricevo e pubblico * “Gentile Giovanna, ieri intorno alle 15 salivo Via Solfatara con il monopattino. All’altezza del Bar d’Angelo, sono stata investita da un’auto che...

Elda Salemme canta Springsteen: i Campi Flegrei rappresentati alla “On the Road” di Bergamo

Domenica 4 settembre a Sant’Agostino, Bergamo, nell’ambito della rassegna ON THE ROAD – Bergamo Racconta Springsteen, giunta alla sesta edizione, si svolgerà la finalissima...

Articoli Correlati

Pozzuoli – I vigili urbani come sceriffi: l’amara protesta di un cittadino

*Ricevo e pubblico: “Nonostante sia cambiata l’amministrazione comunale, Pozzuoli continua ad essere popolata da sceriffi: i nostri vigili urbani. È al Sindaco ed al Comandante...

Pozzuoli in lutto per Sabrina Pisellini: una vita spezzata a 38 anni

È rientrata a Pozzuoli la salma di Sabrina Pisellini, la nostra concittadina che viveva a Milano da qualche anno, dove lavorava come estetista. I...

Bando “Home Care Premium”: assistenza ad un familiare non autosufficiente

Sono stati pubblicati i bandi INPS di concorso Home Care Premium – HCP 2022 e Long Term Care – LTC 2022 per i dipendenti e...

Investita sul monopattino in via Solfatara a Pozzuoli

Ricevo e pubblico * “Gentile Giovanna, ieri intorno alle 15 salivo Via Solfatara con il monopattino. All’altezza del Bar d’Angelo, sono stata investita da un’auto che...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi