Voci dal carcere: Anna si racconta – sesta parte

Ecco la sesta parte della narrazione di Anna, detenuta presso il carcere di Pozzuoli. La sua storia ha appassionato tanti lettori. Per ripercorrere le...

Un dono natalizio per le detenute di Pozzuoli

Il Natale si avvicina e l'aria frizzante dell'inverno che è alle porte, ci spinge già a programmare l'evento più caro e sentito dalle famiglie....

Pozzuoli: colpita dall’alluvione la zona di Licola

Anche Pozzuoli è in ginocchio a causa del maltempo che sta flagellando la Campania da 24 ore: via delle Colmate e la piana di Licola...

Ludovica Nasti a Verissimo

E' stata ospite di Verissimo su Canale 5 la nostra giovane concittadina Ludovica Nasti. Solare e spigliata, ha ripercorso la sua vita raccontando del...

Alluvione a Casamicciola: frana la montagna

E' un film già visto: come nel 2009, una gran massa di acqua, fango e detriti a Casamicciola si è riversata verso il mare,...

“La disumanità dimostrata nella gestione della malattia di papà è agghiacciante”

Una lettera del figlio del Dott. Raffaele Maddaluno (medico di base in pensione), deceduto lo scorso mese: “ L'emergenza sanitaria non può essere un velo sulle inefficienze organizzative o della completa indifferenza del personale sanitario”

*Ricevo e pubblico la lettera di Corrado Maddaluno
“Non sono un utente attivo sui social, ma dopo la perdita di papà ho sentito di esprimere il mio rancore per quanto accaduto. Papà è stato ricoverato per 27 lunghi giorni al reparto di neurochirurgia, sicuramente in una condizione clinica complessa (ematoma cranico scoperto mentre faceva una tac prescritta dall’ematologo per indagare a seguito di valori ematici alterati), ma in questi lunghi giorni non abbiamo mai avuto modo di vederlo, non abbiamo mai avuto un quadro informativo chiaro. Tante telefonate a volte con risposte e toni di sufficienza, mai una chiamata del primario nonostante le richieste, nulla che ci mettesse in condizioni di prendere una decisione se non quella di continuare il ricovero presso l’ospedale.
In altri ospedali di Napoli, è consentita la visita avendo green pass e tampone, mentre l’ospedale di Pozzuoli è diventato un bunker inviolabile. È facile dirigere senza assumersi alcuna responsabilità e senza accettare alcun rischio residuo, è altrettanto facile non prendere in considerazione i diritti di pazienti e familiari. L’emergenza sanitaria non può essere un velo sulle inefficienze organizzative o della completa indifferenza del personale sanitario. Anche il momento in cui papà se ne è andato è stato gestito in modo disumano… tutto a telefono e poi l’inaccessibilità del reparto magicamente è stata interrotta…ci è stato consentito di vedere papà da morto, mentre il medico di turno in un tentativo di gentilezza ci porgeva le condoglianze ed allo stesso tempo poneva una domanda: “ma per cosa stavate indagando a livello clinico prima di portare papà in ospedale?”
Al dolore di questa famiglia si spera la direzione sanitaria possa dare una risposta. Domani presso la Chiesa Santa Maria della Consolazione (Carmine) alle 12.30 sarà celebrato il trigesimo della dipartita della Sua anima benedetta. Alla famiglia le più sentite condoglianze della redazione del Blog di Gió. 

Ultimi articoli pubblicati

Voci dal carcere: Anna si racconta – sesta parte

Ecco la sesta parte della narrazione di Anna, detenuta presso il carcere di Pozzuoli. La sua storia ha appassionato tanti lettori. Per ripercorrere le...

Un dono natalizio per le detenute di Pozzuoli

Il Natale si avvicina e l'aria frizzante dell'inverno che è alle porte, ci spinge già a programmare l'evento più caro e sentito dalle famiglie....

Pozzuoli: colpita dall’alluvione la zona di Licola

Anche Pozzuoli è in ginocchio a causa del maltempo che sta flagellando la Campania da 24 ore: via delle Colmate e la piana di Licola...

Ludovica Nasti a Verissimo

E' stata ospite di Verissimo su Canale 5 la nostra giovane concittadina Ludovica Nasti. Solare e spigliata, ha ripercorso la sua vita raccontando del...

Alluvione a Casamicciola: frana la montagna

E' un film già visto: come nel 2009, una gran massa di acqua, fango e detriti a Casamicciola si è riversata verso il mare,...

Articoli Correlati

Voci dal carcere: Anna si racconta – sesta parte

Ecco la sesta parte della narrazione di Anna, detenuta presso il carcere di Pozzuoli. La sua storia ha appassionato tanti lettori. Per ripercorrere le...

Un dono natalizio per le detenute di Pozzuoli

Il Natale si avvicina e l'aria frizzante dell'inverno che è alle porte, ci spinge già a programmare l'evento più caro e sentito dalle famiglie....

Pozzuoli: colpita dall’alluvione la zona di Licola

Anche Pozzuoli è in ginocchio a causa del maltempo che sta flagellando la Campania da 24 ore: via delle Colmate e la piana di Licola...

Ludovica Nasti a Verissimo

E' stata ospite di Verissimo su Canale 5 la nostra giovane concittadina Ludovica Nasti. Solare e spigliata, ha ripercorso la sua vita raccontando del...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi