Giornate Termali Flegree Carmelo Cicale

La fonte termale del Cantarello rappresenta un ottimo rimedio per le patologie delle alte e basse vie respiratorie

Dopo un indirizzo di saluto del Sindaco di Pozzuoli Gigi Manzoni, del deputato puteolano Andrea Caso e dell’ex consigliere regionale Antonella Ciaramella, la conferenza scientifica di oggi, che si è tenuta presso il complesso Neronensis, ha affrontato, grazie agli illustri relatori, le tematiche relative al termalismo.

BRUNO BRILLANTE (veterinario) studioso del termalismo dei Campi Flegrei, ha promosso, nel suo intervento, un excursus storico sulle sorgenti termali a partire dal territorio partenopeo e fino a giungere alle nostre zone che abbracciano Pozzuoli, Lucrino, Baia ed Agnano e soffermandosi soprattutto sulla sorgente del Cantarello, sita nell’area dove è sito il complesso Neronensis. A partire dal San Germano, compresi gli Astroni e Pisciarelli, fin dai tempi antichi, diversi complessi hanno sfruttato le sorgenti d’acqua provenienti dal versante ovest della Solfatara. Esse avevano proprietà curative e molte persone si recavano là per curarsi. Anche le zone di Via Napoli, Bagnoli e La Pietra erano ricche di terme, conosciute e frequentate fin dai tempi dei Greci. Nel ‘700 ci fu una pausa rispetto all’interesse al termalismo che riprese nei primi dell’800 ed è giunto, poi, fino ad epoche recenti (anni ‘50). Oggi si pone di nuovo l’accento su questo interesse al termalismo che potrebbe attivare un’economia sana, basata sul rispetto della natura e, allo stesso tempo, creare occupazione e turismo.

ANTONELLA MARIA ILARIA CICALE, che ha moderato i lavori, ha descritto le proprietà della fonte del Cantarello. La fonte si trova nel Campi Flegrei alle pendici del tempio di Serapide. L’urbanistica scellerata ha creato delle stratificazioni del territorio che hanno soffocato gli aspetti termali ed hanno, invece, esaltato gli aspetti industriali, limitando la vocazione turistica del territorio, tanto apprezzata nel passato.

Fin dall’antichità tale fonte è stata sfruttata per curare patologie come artriti, patologie ai genitali e infiammatorie in generale. Oggi una equipe medica svolge uno studio scientifico su un campione di 40 pazienti che presentano patologie legate alla respirazione. È stato rilevato che l’acqua del cantarello dopo circa 4 settimane spegne completamente l’infiammazione, rispetto al cortisone che nell’immediatezza dà un beneficio, ma nella lunga durata la cronicizza. L’azione terapeutica svolta dal Cantarello dà benefici di origine naturale e di lunga durata.

GIUSEPPE LUONGO ha illustrato come si genera una risorsa naturale perché, una volta conosciuto questo aspetto, è possibile sfruttare la risorsa stessa. Le terme dei Campi Flegrei, unite alla natura vulcanica dell’aria, sono da sempre state sfruttate per uso terapeutico; sono acque calde e la falda affiora lungo tutta la costa. Approfondendo le tematiche relative al sottosuolo, ha sottolineato che le città andrebbero costruite in base alle risorse presenti, mentre a Pozzuoli termalismo e risorse naturali sono sommerse dal cemento.

 

Al termine delle relazioni si è avuto un momento di breve dibattito. Poi, in conclusione della conferenza, una commovente cerimonia di intitolazione della sala ESEDRA al Dott. Carmelo Cicale.

LEGGI ANCHE:

Voci dal carcere: Anna si racconta – sesta parte

 

Ultimi articoli pubblicati

Articoli Correlati