Bradisismo: “La situazione attuale non pone motivi di preoccupazione”

Ieri mattina alla Residenza storica Villa De Gemmis si è tenuto un interessante convegno organizzato da Europa Verde Pozzuoli dal titolo “BRADISISMO OGGI – Convivere col rischio si può” presentato da Anna Pisco. 

Introdotto da Vicente Carlos Migliucci, commissario e consigliere nazionale di Europa Verde, il convegno ha visto la partecipazione di qualificati relatori e l’intervento dell’ On.le Antonio Caso, deputato 5 Stelle, dell’Assessore Giacomo Bandiera, in rappresentanza del Sindaco Luigi Manzoni, del Consigliere Gennaro Andreozzi, Europa verde al Comune, e del portavoce di Pozzuoli Ora, Raffaele Postiglione.

Dopo una panoramica di carattere generale dell’Ing. Vallario sulle iniziative poste in essere e quelle in cantiere, hanno preso la parola il prof. Giuseppe De Natale, vulcanologo e dirigente di ricerca dell’Istituto Nazionale di Geofisica ed il prof. Giuseppe Luongo, già direttore dell’Osservatorio Vesuviano, che hanno delineato con estrema puntualità l’attuale situazione. Ciò anche alla luce delle passate esperienze degli anni ’70 e ’80. In particolare il prof. LUONGO ha assunto una posizione critica nei confronti del decreto legge e dell’amministrazione comunale.

L’ing. Generoso Schiavone, già dirigente della Protezione Civile della Regione Campania ha, invece, con dovizia di particolari approfondito le iniziative da avviare per quanto riguarda l’ingegneria sismica e la sicurezza del patrimonio edilizio pubblico e privato.

In estrema sintesi quello che è emerso è che l’attuale crisi bradisismica, al momento, una volta poste in essere tutte le iniziative, che una situazione assai delicata come quella che stiamo vivendo richiede, non pone particolari motivi di preoccupazione. Ovviamente, nell’immediato, e se non mutano in maniera inattesa i parametri geodinamici e geochimici.

Tutti hanno tenuto a porre l’accento sul fatto che determinante è la corretta e costante informazione alla popolazione, che deve sentirsi in ogni momento coinvolta e tenere in un certo senso, con i mezzi e le competenze disponibili, gli occhi aperti su eventuali eventi anomali che si dovessero presentare.

A tale proposito è sembrata opportuna la notazione del Generale Aniello Angellotti, conoscitore dell’archeologia flegrea ed esperto di logistica. Ai numerosi puteolani intervenuti al Convegno ha ricordato che possono tenere la situazione sotto controllo mediante l’osservazione quotidiana delle polle acquifere del Tempio di Serapide che, sin dal 1700, è ritenuto lo strumento più valido per osservare l’evoluzione del fenomeno del bradisismo.

LEGGI ANCHE: 

Anche Pozzuoli aderisce alla rete “Sindaci in Contatto”

 

Ultimi articoli pubblicati

Articoli Correlati